02.40047541

NEWS

Notizie importanti sul mondo assicurativo

08-01-2019 08:12:08 | Fonte: LA NUOVA TV

Come mettersi al riparo in questo difficile contesto economico: per Enti Pubblici, Imprese e Famiglie

Ospiti nel salotto televisivo di "Caffè di Traverso", condotto da Mariolina Notargaciomo, alcuni degli esponenti di Losasso Broker Assicurazioni

Potenza, 08 gennaio 2019 - A Caffè Di Traverso, su La Nuova Tv (puntata andata in onda il 4 dicembre 2018), Giuseppe, Marcolucio e Daniele Losasso alla scoperta della figura del broker: in soccorso agli imprenditori in questo difficile contesto economico e agli amministratori alle prese con possibili grane inaspettate. Come mettersi al riparo dai rischi in sanità, pubblica amministrazione e imprenditoria... ma anche come agevolare la propria vita in sicurezza con servizi di assistenza ai propri familiari attraverso progetti mirati legati al welfare e alla famiglia.

Di seguito il video completo dell'intervista.

Fonte: LA NUOVA TV

21-12-2018

Solidità del settore assicurativo Italiano

Roma, 20 dicembre 2018 - Le compagnie di assicurazione italiane superano lo Stress Test, avviato a maggio da EIOPA, per valutare la tenuta del settore europeo in condizioni di mercato avverse. L’Autorità di vigilanza ha coinvolto 42 gruppi di cui 4 italiani: Assicurazioni Generali, Intesa Sanpaolo Vita, Poste Vita e Unipol Gruppo.

Lo stato di partenza delle imprese italiane ha confermato che la situazione di solvibilità del settore è solida, in media superiore rispetto a quella del campione europeo.

In tutti e tre gli scenari ipotizzati, seppure severi, il mercato italiano continua ad essere adeguatamente capitalizzato. Nello scenario “Yield curve up”, che delinea una situazione estrema di rialzo dei tassi di interesse, un contestuale peggioramento degli spread dei titoli obbligazionari, oltre a un deflusso di massa degli assicurati e a un incremento significativo dell’inflazione, l’indice di solvibilità continua ad essere positivo, anche se inferiore rispetto a quello del campione europeo.

Nello scenario “Yield curve down”, che ipotizza invece un periodo prolungato di tassi bassi accompagnato da un aumento della longevità, il settore assicurativo italiano mostra di essere in media più solido rispetto al campione europeo.

Nello scenario introdotto quest’anno, quello “Nat Cat”, che prevede 8 eventi catastrofali quali 2 terremoti con epicentri in Italia, 4 tempeste e 2 inondazioni localizzati nel resto d’Europa, il livello di solvibilità per le compagnie italiane rimane pressoché invariato.

Nel commentare i risultati emersi, la Presidente di ANIA Maria Bianca Farina ha dichiarato: “Lo Stress Test EIOPA evidenzia la capacità delle nostre imprese di fronteggiare situazioni di stress anche molto severe. Questa è l’ulteriore conferma dell’ottimo livello di capitalizzazione e dell’elevata affidabilità delle assicurazioni italiane”.

Fonte: ANIA

CONTINUA A LEGGERE

15-12-2018

Discoteca Lanterna Azzurra senza assicurazione

ANCONA — Non è obbligatoria per legge ma non c’è nessuno nel mondo dello spettacolo che si azzarderebbe mai a organizzare un evento — a maggior ragione una serie di eventi — senza averla stipulata. Parliamo dell’assicurazione per i cosiddetti danni contro terzi: quella, per capirci, che risarcisce i clienti del locale nel quale si svolge la serata se per qualche motivo si feriscono o, peggio, se muoiono. I gestori della Lanterna Azzurra Clubbing non sono assicurati. Nessuna polizza per la responsabilità civile in caso di danni alle persone. L’ultima — stipulata con Unipol — era semestrale, è scaduta a dicembre dell’anno scorso e da allora non è più stata rinnovata. Da un anno, in sostanza, in quel posto sono state organizzate serate non coperte, diciamo così, da alcun ipotetico risarcimento, nemmeno se banalmente qualcuno fosse inciampato e si fosse slogato una caviglia. Non è successo niente fino a venerdì scorso. E adesso?

Fonte: Il Broker Assicurativo

CONTINUA A LEGGERE

11-09-2018

La diffusione delle polizze vita in Italia

I numeri sulla diffusione dell'assicurazione vita in Italia sono facilmente consultabili visualizzando l'immagine allegata.

Fonte: Il Broker - Il Blog per l'intermediario Assicurativo

CONTINUA A LEGGERE

03-05-2018

RC Auto: nella stesa città la tariffa può cambiare in funzione del CAP

Stesso assicurato, stessa automobile, stesso attestato di rischio, stessa città di residenza, ma tariffa RC notevolmente diversa; come mai? La ragione, spesso, si traduce in 3 lettere: Cap. Già perché secondo un’analisi fatta ad aprile 2018 da Facile.it, il principale sito di comparazione del settore, in alcune grandi città italiane vivere in un quartiere piuttosto che in un altro può far aumentare anche del 36,4% l’importo del miglior premio disponibile.

Simulando la richiesta di assicurazione di un profilo tipo (uomo, 42 anni, impiegato, coniugato, prima classe di merito da meno di un anno, che guida una station wagon 1.4, unica vettura del nucleo familiare), il sito ha evidenziato come risiedere in una zona o nell’altra della città, a volte anche solo da un lato o dall’altro della stessa strada, possa incidere sensibilmente su quanto si paga di assicurazione; se a Firenze la differenza di prezzo massima è tutto sommato contenuta (+2,15% fra chi risiede nell’area a migliore e quella a peggiore tariffazione), nelle altre città campione le diversità incidono sensibilmente sul premio.

Restano sotto la soglia psicologica della doppia cifra, magra consolazione, solo Genova (+8,25%) e, per meno di un soffio, Milano (+9,99%); la superano invece Roma (+10,73%), Torino (+11,90%), Bari (+18,60%) e, soprattutto, Napoli dove la migliore offerta disponibile per i Cap 80127, 80128 e 80129 è inferiore del 36,4% rispetto a quella disponibile per il Cap 80139.

È sempre così? No; alcune assicurazioni scelgono di mantenere in tutto il territorio urbano la medesima tariffa, ma questa, sempre secondo la simulazione fatta da Facile.it, è spesso maggiore rispetto alle migliori offerte di altre compagnie. Fanno eccezione, tra i capoluoghi presi in esame dal comparatore, Bologna, Venezia, Cagliari e Palermo dove, nonostante la differenza di Cap, la migliore offerta disponibile per gli automobilisti è identica.

Fonte: Il Broker - Il Blog per l'intermediario Assicurativo

CONTINUA A LEGGERE

11-04-2018

Responsabilità medica

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 7260/2018, ha stabilito il risarcimento del danno in favore di un paziente, al quale era stata diagnosticata tardivamente una patologia neoplastica, per non avere questi potuto scegliere il da farsi nell’ambito di quanto la scienza medica offre per mantenere una salute residua fino al momento della morte o per programmare la sua persona in vista e fino al momento del decesso.

E’ stata, dunque, ritenuta meritevole di tutela risarcitoria sia la mancata scelta di una idonea terapia o di terapie palliative per alleviare le sofferenze patite sia la decisione del paziente di vivere le ultime fasi di vita nella consapevole accettazione della sofferenza e del dolore prima della fine.

Nella fattispecie, a seguito del colpevole ritardo diagnostico della patologia ad esito infausto da parte del medico, è stato leso il diritto all’autodeterminazione del soggetto in un momento particolare che è quello del confronto con la realtà della fine della vita.

Appurata la tardività della diagnosi e le condizioni del paziente derivanti dalla malattia, la violazione del diritto di quest’ultimo circa la possibilità di scegliere come vivere si configura quale lesione di un bene di per sé apprezzabile e tale da non richiedere l’assolvimento di alcun ulteriore onere probatorio circa le scelte di vita del paziente, diverse da quelle che avrebbe adottato se avesse conosciuto tempestivamente le proprie condizioni di salute.

Danno che giustifica la condanna del sanitario, chiamato a rispondere per il risarcimento di quanto  cagionato, sulla base di una liquidazione equitativa.

Autore: Avv. Gian Carlo Soave | Fonte: Il Broker - Il Blog per l'intermediario Assicurativo

CONTINUA A LEGGERE

05-06-2016

In arrivo l'obbligo di assicurazione per gli Avvocati

Nell'ormai lontano 2012 fu stabilito l'obbligo per i liberi professionisti di stipulare unassicurazione della RC professionale (D.P.R. 137/2012- 14/08/2012) al fine di garantire i terzi (clienti) in caso di errori, omissioni e negligenza del professionista.

Nonostante ciò, gli Avvocati, ad oggi, vivono ancora una vacatio legis in quanto, per loro, l'obbligo non è ancora operativo dato che lart. 12 della Legge n. 247/2012 stabilisce che lentrata in vigore vada differita in attesa della determinazione, da parte del Ministero della Giustizia, delle condizioni essenziali della polizza (compresi i massimali), come aveva chiarito anche il CNF con il suo parere n. 35 del 24 giugno 2014.

Ecco che, oggi, allorizzonte, dopo circa 3 anni e mezzo dall'entrata in vigore della riforma forense, si scorge la fine della sospensione, data la probabile, prossima, emanazione del (tanto atteso?) decreto da parte del Ministero della Giustizia.

L'atto normativo dovrebbe dare attuazione all'obbligo per i professionisti forensi di stipulare la famigerata polizza assicurativa, tra laltro già prevista tra i requisiti essenziali per la regolare iscrizione all'Albo degli Avvocati, prevedendo anche la comunicazione, al Consiglio dellOrdine, degli estremi delle polizze assicurative e di ogni loro successiva variazione e la relativa sanzione per la mancata osservanza delle relative disposizioni che costituisce illecito disciplinare, oltre che, una volta in cui l'obbligo sarà entrato a regime, la cancellazione dall'Albo per la mancanza di uno dei requisiti essenziali previsti per l'esercizio della professione.

Ma i professionisti legali sono stati, pur soltanto in parte, più diligenti della Legge dato che già in molti hanno provveduto a stipulare una polizza di assicurazione che li tutela, patrimonialmente, proprio in caso di eventuali risarcimenti a favore di clienti danneggiati per colpa del loro avvocato

CONTINUA A LEGGERE

31-07-2015

Concorso Nazionale di specializzazione in Medicina

È partito il secondo concorso nazionale per l'accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina. I candidati sono in tutto 13.188, le sedi di esame sono 261, per un totale di 432 aule e oltre 15.600 postazioni informatiche messe a disposizione per lo svolgimento delle prove che si terranno nell'arco di quattro giorni. Sono 454 i responsabili d'aula a cui si sommano i referenti tecnici e il personale di vigilanza. Inoltre, in collaborazione con il Ministero dell'Interno, saranno garantite da parte delle Forze dell'ordine misure di vigilanza ad hoc.

Fra le tipologie di Scuola più scelte dai candidati figurano: Anestesia Rianimazione Terapia Intensiva e del dolore, Radiodiagnostica, Medicina interna, Pediatria, Malattie dell'apparato cardiovascolare. Ogni candidato all'atto della domanda poteva scegliere fino a 3 tipologie di Scuola e massimo 2 per Area (Medica, Chirurgica, dei Servizi Clinici).

Nei giorni scorsi le Università coinvolte, in collaborazione con il Miur, hanno provveduto al controllo e al collaudo di tutte le postazioni. Il Ministero, nelle indicazioni operative inviate agli Atenei, ha chiesto che le postazioni siano allestite in modo da impedire potenziali interazioni fra i candidati e tentativi di copiatura. Ai candidati è vietato introdurre in aula manuali, testi, supporti cartacei, appunti, telefoni cellulari, palmari e ogni altro strumento idoneo alla memorizzazione di informazioni o alla trasmissione di dati, pena l'immediato annullamento della prova da parte del responsabile d'aula.

I contratti di Formazione specialistica a disposizione sono 6.363, di cui 6.000 coperti con fondi statali, 363 da Regioni e altri enti. I contratti coperti con fondi statali sono 1.000 in più rispetto al precedente concorso.

La prova d'esame consiste nella soluzione di 110 quesiti a risposta multipla: 70 comuni a tutti i candidati, 30 comuni a ciascuna Area, 10 comuni per tipologia di Scuola. Al pari dello scorso anno, ai titoli saranno attribuiti fino a 15 punti di cui: fino a 2 punti per il voto di laurea e fino a 13 per il curriculum degli studi (fino a 5 per la media ponderata degli esami sostenuti, fino a 5 per il voto riportato negli esami fondamentali e caratterizzanti e fino a 3 per altri titoli).

I candidati avranno a disposizione computer privi di tastiera, non connessi a Internet, sui quali sarà possibile operare esclusivamente attraverso un mouse.

Le graduatorie saranno pubblicate giovedì 6 agosto 2015 sul sito riservato alle Specializzazioni a cui si accede dal portale www.universitaly.it.

Fonte Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

CONTINUA A LEGGERE

29-07-2015

Cauzioni assicurative: attenzione alle polizze false

L'IVASS rende noto che è stata segnalata la commercializzazione di polizze fideiussorie contraffatte intestate alla compagnia ALPHA INSURANCE A/S con sede legale in Danimarca, la quale è abilitata ad operare in Italia in regime di libera prestazione di servizi in vari rami danni (tra cui i rami credito e cauzioni).

Limpresa rende noto che i consumatori potranno chiedere conferma dellautenticità dei contratti in essere a: IFC s.r.l. Insurance & Financial Consultant Via Gian Giacomo Porro 8 00197 Roma PEC: info@pec.ifc-insurancesrl.it

LIVASS raccomanda sempre di verificare, prima della sottoscrizione dei contratti, che gli stessi siano emessi da imprese e tramite intermediari regolarmente autorizzati allo svolgimento dellattività assicurativa e di intermediazione assicurativa, tramite la consultazione del sito www.ivass.it, dove è possibile consultare gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia, il Registro Unico degli Intermediari Assicurativi e lElenco degli intermediari dellUnione Europea.

Fonte: IVASS

CONTINUA A LEGGERE

27-07-2015

Crediti commerciali e tempi medi di pagamento

Nel 2015 saranno 66 a livello globale i giorni medi di incasso per i crediti aziendali. Un dato ben inferiore a quello italiano che invece arriva fino a 98 giorni.
È questa la sintesi della filiera dei pagamenti disegnata dallultimo studio di Euler Hermes Payment Behavior Whos Paying The Piper.

La Società del Gruppo Allianz ha analizzato il divario di tempo che cè tra la fornitura di merci o servizi e il loro pagamento, quelli che tecnicamente vengono definiti i giorni medi di incasso o DSO (Days Sales Outstanding).

Secondo lo studio nel 2015 i giorni medi a livello globale resteranno invariati rispetto allo scorso anno sul livello di 66 giorni, destinati però a salire a 69 per i mercati emergenti.
Tra i virtuosi figurano la Russia (47 giorni), lOlanda (47 giorni), la Germania (53) e gli Stati Uniti (55).
Mentre i Paesi maggiormente colpiti dal fenomeno sono: Francia, Turchia, Italia, ma anche la Cina. Tra il 2007 e il 2015, i DSO per le aziende cinesi sono aumentati di 22 giorni.

Il ritardo cinese dipende soprattutto dal fatto che le imprese hanno cercato di conquistare clienti internazionali offrendo crediti di fornitura per ottenere nuovi contratti; dal rallentamento economico del Paese; ma anche dal fatto che il credito tra le imprese è diventato una delle principali fonti finanziarie alternative al credito bancario.

A livello di settori petrolio e gas sono quelli che hanno risentito di meno dellaumento dei tempi di pagamento, mentre tecnologia, beni industriali e automotive hanno subito ritardi più consistenti. In particolare i giorni mesi di tecnologia e beni industriali sono arrivati a 91 e 75.

In base ai dati commenta Ludovic Subran, Capo Economista di Euler Hermes le imprese continuano a fare affidamento sulle dilazioni dei pagamenti, in quanto non si intravede a livello globale una diminuzione dei tempi di incasso. I pagamenti sui mercati emergenti arrivano cinque giorni più tardi rispetto alle economie avanzate, mentre nel 2007 avvenivano 10 giorni prima. Le imprese devono fare maggiore attenzione ai segnali di difficoltà finanziaria fra i clienti del mondo emergente.

Per quanto riguarda lItalia, il nostro Paese rappresenta il fanalino di coda delle 15 economie analizzate dallo studio con una media di 98 giorni (erano 99 nel 2014). Il dato è molto elevato e diventa drammatico per alcuni settori come il chimico (148 giorni) e il tecnologico (149).

I tempi di incasso in Italia spiega Massimo Reale, Direttore Rischi di Euler Hermes Italia si confermano molto distanti dalle economie europee nonostante un lieve miglioramento registrato nellultimo esercizio in termini assoluti. Questi valori sono tuttora condizionati da una situazione di liquidità di breve termine ancora non ottimale e da alcuni indicatori di fiducia ancora al palo.

Le aziende italiane prosegue Reale sotto la pressione di margini sempre più ridotti, sono costrette a dilazionare sempre di più gli incassi pur di mantenere alto il valore della top line; ciò a patto di sfruttare la leva fornitori per finanziare le esigente del ciclo economico produttivo evitando così di ricorrere a fonti onerose del debito.

Fonte: EHI Journal

CONTINUA A LEGGERE

02-07-2015

6 domande sulla responsabilita del direttore dei lavori durante un lavoro edile

Il direttore dei lavori è una figura importantissima durante un lavoro edile. Deve assicurarsi che i lavoratori facciano del loro meglio per far diventare realtà il progetto esattamente così come lo avete immaginato.

Andiamo a vedere nel dettaglio quali sono le responsabilità del direttore dei lavori durante un lavoro edile.

Continua a leggere l'articolo su Fazland.com

CONTINUA A LEGGERE

17-06-2015

Architetto risarcito dal comune per gara irregolare

In materia di risarcimento del danno da lesione di interessi legittimi pretensivi, in caso di accoglimento della domanda risarcitoria proposta dal partecipante alla pubblica gara illegittimamente pretermesso, questi ha diritto all'integrale risarcimento dei danni subiti, a fronte della colpa dell'amministrazione nel preferirgli un altro concorrente, qualora risulti accertato che se la gara si fosse svolta regolarmente ne sarebbe risultato vincitore.

Per quanto riguarda la quantificazione del danno, il giudice dovrà tener conto di tutte le circostanze del caso concreto nel liquidare sia il danno emergente che il lucro cessante (quali le spese sostenute per partecipare alla gara, il mancato guadagno per non aver potuto svolgere l'attività professionale, il mancato incremento del curriculum professionale).

Questo il principio di diritto affermato dalla Corte di Cassazione, sezione III civile, con la sentenza n. 11794 dell'8 giugno 2015.

LA VICENDA. Nel caso affrontato dalla Corte di legittimità, un architetto conveniva in giudizio un Comune per sentirlo condannare al risarcimento dei danni subiti in conseguenza del mancato conferimento di un incarico professionale.

L'architetto aveva partecipato ad una gara avente ad oggetto il conferimento di un incarico di progettazione di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP) fornendo un curriculum nettamente superiore a quello degli altri partecipanti, ma l'incarico era stato affidato ad altro concorrente. Il TAR Calabria a seguito di suo ricorso aveva annullato la delibera per la mancata valutazione comparativa dei curricula, e aveva anche nominato un commissario ad acta affinché valutasse i titoli, il quale aveva deliberato che l'incarico doveva essere conferito al ricorrente perché dotato di un maggior punteggio.

Poiché però nelle more l'incarico era stato espletato, al professionista era rimasta preclusa la possibilità di subentrare all'originario aggiudicatario per redigere o proseguire il progetto, con conseguente perdita del diritto al corrispettivo.

Il Tribunale adito accoglieva la domanda dell'architetto ritenendo che, a fronte della illegittimità del provvedimento amministrativo, il danno subito dal professionista fosse in re psa, e condannava l'Amministrazione a risarcirgli il danno comprensivo delle due componenti del lucro cessante e del danno emergente.

Su appello dell'amministrazione comunale, la Corte d'Appello di Catanzaro riformava in parte la sentenza di primo grado riconoscendo all'architetto solo il danno emergente, che commisurava agli oneri economici sostenuti per preparare l'offerta e partecipare alla gara. Da qui il ricorso dell'architetto alla Cassazione.

I RILIEVI DELLA CASSAZIONE. In via preliminare, la Cassazione ha preso atto che la Corte d'appello ha concluso nel senso che sussistesse una colpa in concreto dell'amministrazione, che, alterando il corretto svolgimento della gara ha privato il ricorrente di un incarico lavorativo che altrimenti si sarebbe aggiudicato.

Ha quindi preso atto della sussistenza di tutti i presupposti per l'accoglimento della domanda di accertamento, della responsabilità extracontrattuale dell'amministrazione per attività amministrativa illegittima (adozione di un provvedimento amministrativo illegittimo, danno subito dal privato, nesso causale tra l'attività illegittima e il danno, colpa o dolo dell'amministrazione). Pertanto, ha condannato l'amministrazione a risarcire il danno.

Secondo la Cassazione, la Corte d'appello ha tuttavia sbagliato nell'applicare i criteri di quantificazione del danno laddove ha ristretto il danno risarcibile alla sola componente del danno emergente.

Qualora il giudice ordinario abbia accolto una domanda del privato volta ad ottenere il risarcimento dei danni da lesione degli interessi legittimi pretensivi, i criteri per la quantificazione del danno sono quelli ordinari, ovvero il giudice deve condannare l'amministrazione a risarcire il privato dell'intero pregiudizio economico patito, nelle sue due componenti del danno emergente e del lucro cessante (previo accertamento di merito in ordine alla sussistenza in concreto e all'ammontare delle due voci di danno).

IL DANNO SUBITO VA RISARCITO INTEGRALMENTE. Per la suprema Corte Non è corretta l'affermazione, contenuta nella sentenza impugnata, secondo la quale il contraente illegittimamente pretermesso non ha alcun diritto al risarcimento danno da lucro cessante perché non ha concluso alcun contratto e quindi non ha svolto in concreto alcuna attività in favore della Pubblica Amministrazione. Così opinando si svuota di contenuto il risarcimento danni da violazione degli interessi legittimi pretensivi: se l'accertamento dell'an del risarcimento è soggetto ai requisiti particolari, sopra indicati (in particolare, all'accertamento in concreto della colpa dell'amministrazione che non coincide don la semplice illegittimità del provvedimento amministrativo), la determinazione del quantum deve essere effettuata secondo i criteri di giudizio ordinari previsti per il risarcimento del danno extracontrattuale. Una volta che l'amministrazione sia stata ritenuta responsabile il danno subito va risarcito integralmente, quindi il soggetto che sia stato illegittimamente escluso, per comportamento colposo dell'Amministrazione, dalla conclusione di un contratto avente ad oggetto una prestazione lavorativa in favore dell'amministrazione conclude la Cassazione - va tenuto indenne anche del mancato guadagno che in concreto avrebbe percepito, accettato con indagine di merito.

Fonte: casaeclima.com

CONTINUA A LEGGERE

16-06-2015

Corte dei Conti condanna 2 medici a risarcimento per colpa grave

I giudici della Corte dei Conti della Liguria hanno condannato al risarcimento di oltre 132 mila euro, per danno erariale, due medici dell'ospedale di Cairo Montenotte (Savona), per aver asportato erroneamente un rene a un paziente. L'ex primario dovrà risarcire 92.879 euro e il collega 39.805 euro.

I fatti risalgono al 2011, quando un 45enne albanese, con un solo rene, si era recato al pronto soccorso per una colica. I medici, nei giorni successivi, lo avevano sottoposto a un'operazione in laparoscopia per l'asportazione di una cisti sulla milza, ma erroneamente avevano asportato anche l'unico rene del paziente, quello sinistro.

L'uomo è stato così costretto a sottoporsi a nove mesi di dialisi e a un successivo trapianto. La procura contabile aveva chiesto un risarcimento di 200 mila euro anche per danno d'immagine, istanza non accolta dai giudici, che hanno condannato i due medici solo per il danno erariale.

I giudici contabili nella sentenza sottolineano come "dal complesso degli atti e dalle diverse consulenze tecniche non si può che ritenere sussistente la gravità della colpa" da parte dei medici. Non solo, per i giudici "un intervento in quella specifica area anatomica andava necessariamente effettuato con grande cautela, sia in previa sede diagnostica che nella fase di esecuzione, al fine di evitare eventuali danni all'unico rene".

Fonte: Tiscali: Cronaca

CONTINUA A LEGGERE

10-06-2015

Citta metropolitana di Torino condannata a maxi risarcimento per la morte di Vito Scafidi

Nel Novembre del 2008, caddero degli enormi tubi di ghisa dimenticati da tempo nel controsoffitto del Liceo Darwin di Rivoli e per il ragazzo non ci fu nulla da fare mentre alcuni suoi compagni rimasero feriti, alcuni anche con danni permanenti.

Una morte che i giudici hanno definito un caso eccezionale e unico che ha motivato, secondo loro, la definizione di un risarcimento che per la prima volta in Italia supera i massimi tabellari previsti, incrementati per il caso specifico del 50% proprio perché, secondo il Giudice Anna Castellino, la straordinarietà della tragedia e il contesto in cui è avvenuta non sono privi di rilievo nella loro incidenza sulla entità del danno patito dai congiunti.

Lesborso della cifra sarà a carico dellormai ex Provincia di Torino (ora Città metropolitana).

Per la stessa vicenda, lo scorso 3 febbraio, la Cassazione aveva reso definitive sei condanne: si tratta di tre funzionari della provincia di Torino e tre docenti, in servizio presso il liceo di Rivoli, ritenuti responsabili della sicurezza dellistituto scolastico e quindi della mancata osservanza delle regole di prevenzioni infortuni.

CONTINUA A LEGGERE

28-05-2015

Progetto ANIA Cares per i traumi psicologici da incidenti stradali

Fornire un aiuto qualificato per reagire dopo un incidente stradale, superando le conseguenze psicologiche per danni fisici permanenti o per la perdita di una persona cara. E questo lobiettivo di ANIA Cares, il progetto di assistenza psicologica offerto alle vittime di incidenti stradali e ai loro familiari, nato per volontà della Fondazione ANIA, presentato questa mattina nella sede romana dellassociazione dal Presidente Aldo Minucci.

Il progetto, operativo nella prima fase grazie ad accordi con strutture sanitarie a Milano, Roma e Firenze, è nato per il forte impatto emotivo che gli incidenti stradali creano su tutti coloro che ne sono coinvolti. Infatti ai danni fisici, spesso si accompagnano conseguenze psicologiche che cambiano per sempre la vita delle persone. Dopo aver subito un primo grave trauma fisico o psicologico, le vittime o i familiari ne sopportano un secondo, che il più delle volte, non viene riconosciuto. Per questo, si è voluto compiere un atto di civiltà che potrebbe colmare questo gap di attenzione nei confronti dei macrolesi e dei parenti delle persone decedute di cui è responsabile anche il settore assicurativo.

Per questo la Fondazione ANIA, in collaborazione con la Facoltà di Psicologia della Sapienza Università di Roma e con la Polizia Stradale, ha creato il progetto ANIA Cares, grazie alla collaborazione con un gruppo di lavoro formato da psicologi ed esperti di fama mondiale. Tra questi, lo psicologo e psicoterapeuta Roger Solomon, consulente del Senato degli Stati Uniti, della Nasa, dellFbi e di varie forze dellordine, che ha seguito le vittime di tragedie come gli attacchi terroristici dell11 settembre. Del progetto, coordinato da Annamaria Giannini, docente ordinario alla facoltà di psicologia della Sapienza Università di Roma, fanno parte, tra gli altri, Massimo Ammaniti, professore emerito di Psicopatolgia dello sviluppo, Cristiano Violani, Preside della facoltà di Medicina e Psicologia della Sapienza Università di Roma.

Grazie alla consulenza degli esperti, è stato tracciato il primo protocollo specialistico a livello mondiale per il trattamento del trauma psicologico dovuto ad un incidente stradale e di sostegno alle vittime stesse e ai loro familiari. Un modello che, oltre a migliorare il rapporto tra settore assicurativo e vittime degli incidenti stradali, rappresenta un sistema di intervento mai visto prima. Oltre al protocollo terapeutico, il progetto prevede la formazione di tutte quelle figure professionali che, a vario titolo, hanno contatti con le vittime di incidenti stradali e i loro familiari: dalle forze dellordine che intervengono al momento dellincidente, passando per i medici legali ed i liquidatori assicurativi. In tal modo viene realizzato un approccio integrato ma differenziato rispetto ai differenti momenti di contatto con le vittime.

ANIA Cares avrà durata triennale: si passerà dallelaborazione del protocollo di intervento alla sperimentazione su alcuni casi, che diventeranno alcune centinaia nel momento in cui liniziativa sarà a regime. Il progetto è stato testato nel corso dellultimo anno e lintervento sarà fin da ora possibile su una decina di casi che potranno essere segnalati al numero telefonico 06 32688593. Nei prossimi mesi sarà disponibile un numero verde collegato ad una rete di psicologi a livello nazionale che saranno reperibili 24 ore su 24.

Fonte: ANIA

CONTINUA A LEGGERE

27-05-2015

Gli Ingegneri possono accedere al fondo di garanzia PMI

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha diffuso una circolare che illustra le modalità per laccesso degli ingegneri professionisti al fondo di garanzia. Zambrano: Un provvedimento rilevante che favorisce laccesso al credito anche da parte di chi non è strutturato e organizzato sotto forma dimpresa. Per gli ingegneri che esercitano la libera professione si tratta di unimportante opportunità.

Arrivano le linee guida per laccesso degli ingegneri liberi professionisti al Fondo di Garanzia PMI. Sono state diramate attraverso una circolare del Consiglio Nazionale degli Ingegneri che riprende il documento elaborato sullargomento dal suo Centro Studi. Comè noto, il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso operativo, a partire dal 10 marzo 2014, laccesso da parte dei liberi professionisti al Fondo di Garanzia PMI. Ha disposto, in particolare, che un libero professionista che si rechi presso una banca o altro intermediario finanziario per la richiesta di un prestito o per anticipazione di liquidità, possa essere garantito dallo Stato, tramite lapposito Fondo.

Si tratta di un provvedimento rilevante ha commentato Armando Zambrano, Presidente del CNI - finalizzato a favorire laccesso al credito anche da parte di chi non è strutturato e organizzato sotto forma dimpresa, ma opera viceversa nellambito del lavoro autonomo. Per gli ingegneri che esercitano la libera professione si tratta di unimportante opportunità.

Questo risultato ha concluso Zambrano - è il frutto del lavoro congiunto che, come CNI e Rete delle Professioni Tecniche, abbiamo svolto col Sottosegretario allo sviluppo economico Simona Vicari che si è rivelato un interlocutore prezioso.

Come specificato nel documento, al Fondo di Garanzia possono accedere sia le imprese che i liberi professionisti. A questi ultimi è riservato fino ad un massimo del 5% dellammontare del fondo medesimo. E importante precisare che non è il singolo professionista a dover contattare o attivare una pratica presso il gestore del Fondo. Al momento di una richiesta di finanziamento presso una banca, il professionista dovrà solo indicare di voler usufruire della garanzia del Fondo PMI. Sarà poi la banca stessa a provvedere ad attivare la procedura.

Come specifica il documento del CNI, il Fondo permette ai professionisti iscritti agli Ordini di usufruire di apposite garanzie a fronte di finanziamenti richiesti e concessi da istituti bancari, società di leasing o da altre tipologie di intermediari finanziari. Il Fondo, ad esempio, può garantire: operazioni a fronte di un investimento (acquisto di strumenti per lesercizio della professione); operazioni di liquidità finalizzate al pagamento dei fornitori e del personale; operazioni di consolidamento delle passività a breve termine presso una banca; operazioni di rinegoziazione dei debiti a medio/lungo termine; operazioni di fidejussione connesse alle attività proprie del professionista o del suo studio professionale.

Occorre precisare che Il Fondo non garantisce il 100% della somma richiesta, ma una cospicua parte di essa, fino ad un massimo di 2,5 milioni di euro per alcune tipologie di operazioni (come lanticipo crediti PA) e fino ad un massimo di 1,5 milioni di euro per altre tipologie di operazioni (come il finanziamento per investimenti). La parte eventualmente eccedente non è garantita dal Fondo.
Le procedure sono snelle e rapide. Una volta inoltrata la richiesta direttamente alla banca, in tempi brevi vengono verificati i requisiti di accesso e adottata, da parte dellente gestore del Fondo, la delibera con cui si decide laccoglimento o il respingimento della domanda.

CONTINUA A LEGGERE

22-05-2015

RCAuto: in arrivo la dematerializzazione del contrassegno

È stato pubblicato sul sito dellIVASS il Regolamento n. 9 del 19 maggio 2015, recante la disciplina della banca dati attestati di rischio e dellattestazione sullo stato del rischio.

Con lemanazione del Regolamento si conclude la prima fase del progetto dematerializzazione dellattestato di rischio. Essa è frutto di un proficuo confronto con gli operatori del mercato, imprese ed intermediari, e con le associazioni dei consumatori, nonché dei numerosi contributi offerti in sede di pubblica consultazione (si vedano gli esiti pubblicati sul sito dellIVASS). E prevista una seconda fase che consentirà di passare dallattestato di rischio c.d. statico (che fotografa la situazione corrente) allattestato dinamico, generato nel continuo dal sistema, così da renderlo più aggiornato, ancora più efficace per il contrasto dei fenomeni elusivi, meglio armonizzato rispetto alle situazioni degli altri Paesi UE.

I risultati attesi in questa prima fase riguardano una significativa riduzione, per le imprese, dei costi complessivi dellattività; un notevole vantaggio per un ridotto uso della carta; una maggiore rapidità ed efficacia nelle comunicazioni con i clienti; un processo assuntivo del ramo r.c.auto più snello, sollevando, nel contempo, gli assicurati dalladempimento, fino ad oggi a loro carico, di consegna dellattestato di rischio allassicuratore, in sede di stipula del contratto.

Non ultimo, la nuova disciplina rappresenta un rilevante strumento per contrastare le frodi collegate con la falsificazione degli attestati cartacei.

LIVASS auspica che la nuova disciplina, assieme alle numerose altre iniziative già avviate dallIstituto, possa contribuire in misura significativa allefficienza del sistema e alla riduzioni dei prezzi effettivi delle polizze r.c.auto.

CONTINUA A LEGGERE

20-05-2015

Polizze RCA gratuite: ANIA pronta ad attuare la disposizione IVASS

Con riferimento alla lettera inviata oggi dallIVASS alle imprese di assicurazione RC Auto, ANIA prende atto del chiarimento dellIVASS volto a interpretare, in modo diverso rispetto al passato, le regole che disciplinano lassegnazione della classe bonus/malus per gli assicurati che hanno beneficiato di una polizza gratuita offerta allatto dellacquisto di una autovettura (c.d. polizza con franchigia) e coerentemente attuate dalle compagnie.

Questi automobilisti potranno recuperare la propria storia assicurativa pregressa oppure potranno beneficiare, sia pure un anno dopo lacquisto, del c.d. bonus familiare previsto dal decreto Bersani che consente di usufruire della classe di merito più conveniente nellambito dei nuclei familiari.

Si tratta di una realtà che ha riguardato poche migliaia di automobilisti, un numero importante ma esiguo rispetto al complesso degli oltre 40 milioni di assicurati. In particolare, lIVASS ha motivato lintervento che interpreta diversamente il Regolamento n. 4 del 2006 per le sole polizze gratuite per superare le incongruenze della regolamentazione in essere che non consentivano alle imprese di valorizzare la storia assicurativa pregressa o di riconoscere il bonus familiare.

Viene così risolto un problema che lAssociazione aveva portato allattenzione da alcuni mesi. Le imprese sono pronte ad adeguarsi da subito alla nuova disciplina e verificheranno la presenza dei requisiti per lapplicabilità delle nuove disposizioni alle polizze gratuite già scadute.

Fonte: ANIA

CONTINUA A LEGGERE

19-05-2015

Risarcimento per errore chirurgico a Vallo della Lucania

Un caso di malasanità arriva dallospedale San Luca di Vallo della Lucania. Dopo un intervento per lasportazione della tiroide una donna di 53 anni torna a casa con gravi difficoltà respiratorie e una paralisi alle corde vocali.

Un caso riconosciuto anche dal tribunale vallese, che con sentenza emessa nel 2012 dal giudice Valeria Campanile ha condannato lAsl di Salerno al risarcimento danni di quasi 300 mila euro.

FONTE: Positano News

CONTINUA A LEGGERE

15-05-2015

Danno erariale accertato dalla Corte dei Conti per ex presidente della provincia di Bolzano

La Corte dei Conti ha condannato lex presidente della Provincia di Bolzano, Luis Durnwalder, ad un risarcimento per danno erariale del valore di 385.890,36 euro.

La magistratura contabile ha riscontrato una colpa grave di particolare intensità relativa allutilizzo del fondo riservato che secondo i giudici è stato gestito con colpevole atteggiamento di elevata discrezionalità.

La Procura contabile aveva chiesto una cifra di 1 milione e 600.000 euro, non riscontrata dalla sentenza in quanto lazione risarcitoria si è dovuta fermare agli ultimi 5 anni non trovando conferma lipotesi delloccultamento doloso del danno.

Assolti i funzionari provinciali coinvolti nella vicenda.

CONTINUA A LEGGERE

14-05-2015

Incendio devastante colpisce ospedale civile di Venezia

Hanno lavorato per tutta la notte i vigili del fuoco per domare e mettere in sicurezza gli edifici devastati dal furioso incendio scoppiato verso le 20 di mercoledì all'interno dell'ospedale civile "Santi Giovanni e Paolo" - nell'ala storica del Rio delle Mendicanti, solo da poco liberata dai pazienti di Medicina trasferiti al nuovo Padiglione Jona - facendo crollare una parte del tetto e lambendo una finestra della chiesa. Il rogo è divampato dal secondo piano dell'edificio, espandendosi verso il tetto: nelle stanze sottostanti al piano terra e al primo piano (danneggiate dal passaggio dell'acqua) si trovavano il reparto per la dialisi e il laboratorio di analisi, che l'Asl 12 ha provveduto a trasferire. Il Laboratorio di analisi è inagibile e, pertanto, la direzione generale ha deciso di allestirne uno provvisorio per le urgenze di necessità dell'Ospedale civile in un'altra ala del nosocomio, mentre i campioni per le analisi di routine saranno trasferiti al laboratorio di Mestre, pur continuando a operare il Centro prelievi. Già in mattinata, i quindici pazienti che si dovevano sottoporre a dialisi - che usufruiscono di un servizio di trasporto dell'Asl - sono stati portati all'Angelo, per la terapia.

Le fiamme e una densa coltre di fumo nero si sono levate dall'area del rio dei Mendicanti, nei padiglioni storici che ospitavano i reparti di Medicina, da pochi mesi trasferiti al nuovo vicino Padiglione Jona. Una densa colonna di fumo nero è ben visibile da buona parte della città e l'odore acre si sente fino al Ghetto.

La prima barca dei vigili del fuoco è arrivata sul posto alle 20.10. I pompieri sono arrivati in forze richiamando tutte le squadre disponibili: tre "partenze" dei vigili del fuoco si sono così dirette dalla caserma di Ca' Foscari a sirene spiegate verso le Fondamenta nuove e sono entrate nel rio dei Mendicanti, attraccando vicino alla chiesetta dei Mendicanti.

Le fiamme sono scaturite dal terzo piano dell'edificio che si trova accanto alla chiesa. Finora la struttura era stata usata come reparto di Medicina prima del trasferimento nei nuovi edifici e proprio dietro c'è il pronto soccorso, uno dei reparti più moderni. L'area era stata quindi dismessa e lasciata vuota e senza personale.

Il procuratore aggiunto Adelchi d'Ippolito è andato nella mattinata di giovedì in soralluogo al santi Giovanni e Paolo. "Naturalmente accerteremo le cause dell'incendio, ma al momento non vi sono elementi che facciano pensare a un'ipotesi di dolo", commenta d'Ippolito, "le attività dell'ospedale non sono precluse, perché è stata posta sotto sequestro solo la parte d'immobile danneggiata"
Anche il presidente della Regione, Luca Zaia (cancellando un impegno elettorale in Cadore), ha annunciato per le 11.30 una visita al Civile.

Il rogo si è sviluppato all'interno di un quadro elettrico del secondo piano dell'edificio sul rio delle Mendicanti, allargandosi al terzo fino a sfondare il tetto. Le fiamme si sono alimentate anche grazie al fatto che il reparto è stato da poco lasciato vuoto, con il trasferimento dei pazienti al nuovo padiglione Jona: nelle sale sarebbero però stati trovati contenitori di solventi che potrebbero aver alimentato le fiamme. L'impianto antincendio ha rilevato il fumo contemporaneamente ad alcuni passanti che si trovavano lungo la fondamenta dei Mendicanti.

Verso le 21 i testimoni hanno cominciato a vedere le fiamme anche all'esterno, dopo che le fiamme avevano invaso l'intero sottotetto uscendo dai coppi.

Il comando provinciale dei vigili del fuoco ha fatto convergere a Venezia anche le squadre della terraferma, addirittura da Cavarzere, segno che la situazione si è fatta seria con il passare delle ore. Dalla Marittima è stato fatto partire verso l'ospedale anche il rimorchiatore dei pompieri munito di cannoni ad acqua ad altissima pressione.

Secondo l'Asl 12 nessuno dei degenti ospitati all'interno dei reparti è stato spostato, ma tutto il personale smontante è stato trattenuto e altri infermieri e medici si stanno recando da casa nei rispettivi reparti per un'eventuale ordine di trasferimento.

Verso le 22 è crollata una parte del tetto dell'edificio. Il boato è stato sentito da numerosi testimoni. Secondo un medico in servizio all'interno dell'ospedale nel reparto la tensione è cresciuta e alcuni pazienti hanno chiesto di poter essere trasferiti. E' invece chiaro che al momento i pazienti non corrono alcun pericolo e che tutto il personale è comunque già pronto a intervenire.

Fonte: La nuova di Venezia e Mestre

CONTINUA A LEGGERE

13-05-2015

Rischio infortuni per gli infermieri

E' stato presentato in Senato il risultato dello studio "Prendersi cura di chi cura" condotto da ANMIL (Associazione Nazionale Lavoratori Mutilati ed Invalidi del Lavoro) riguardante l'incidenza degli infortuni e delle malattie professionali nel comparto sanitario. Il dato che spicca è la netta prevalenza dell'incidenza degli infortuni nella componente femminile del personale sanitario, sia in termini assoluti (600000 giornate lavorative perse) che relativo.

Il presidente ANMIL Bettoni ha illustrato i dati alla presenza dei presidenti delle Commissioni Lavoro di Camera e Senato (Damiano e Sacconi), del direttore generale INAIL (Lucibello), della presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro (Fabbri) e del presidente CIV INAIL (Rampi).

La movimentazione dei carichi risulta la principale causa di infortuni e malattie professionali, ma non è assolutamente trascurabile l'effetto del burn out, che incide pesantemente sulle condizioni psicofisiche delle lavoratrici e le espone maggiormente al rischio di infortunio e malattia, ed è prevalentemente legato al prolungato e continuativo contatto con la sofferenza e la malattia, oltre che alle condizioni di lavoro e di gratificazione professionale. Rischi che gravano molto di più sulla componente femminile del personale, non soltanto per la prevalenza della composizione di genere nel comparto (oltre il 60% degli operatori sono donne), secondo ANMIL.

Dagli interventi dei numerosi partecipanti allo studio, è emerso inoltre come il quadro normativo sia inadeguato a garantire alle lavoratrici idonee tutele di fronte a questi rischi e, di conseguenza, quanto sia necessario porre in atto misure di correzione e regolamentazione diverse e più incisive.

Un primo passo in tal senso può essere rappresentato dal DDL presentato dalla sen. Amati, ma senza dubbio serve di più. Non trascurabile, infine, il rischio per le operatrici sanitarie di incorrere in violenze e aggressioni da parte di pazienti, parenti, ecc, che la cronaca ci dimostra siano numerose e, purtroppo, tutt'altro che occasionali, nelle strutture sanitarie.

(di Chiara D'Angelo)
Fonte: Infermieristicamente.it

CONTINUA A LEGGERE

07-05-2015

Incendio a Roma Fiumicino

Imponente incendio divampato nella notte tra Mercoledì e Giovedì nellaeroporto di Roma Fiumicino, che ha interessato il lavoro dei Vigili del Fuoco per tutta la nottata, prima di spegnere le fiamme.

Diverse persone sono rimaste intossicate, tra cui 3 individui estratti dai pompieri, e circa 15 soccorritori, nessuno dei quali, comunque, ha avuto bisogno di essere portato in ospedale.

Ovviamente notevoli i disservizi, ancora non del tutto rientrati, tanto che solo nel pomeriggio di oggi lEnac informava che lo scalo di Roma Fiumicino era ritornato operativo pur con capacità ridotta proprio in seguito alle problematiche connesse all'incendio, ormai spento, con pesanti ritardi subiti dai voli.

Laeroporto ha riportato ingenti danni nell'area del Terminal 3, dato che fiamme e fumi hanno interessato circa 400 mq di struttura. La parte dei varchi per gli imbarchi è ridotta in cenere, la zona commerciale pesantemente compromessa, con molti negozi andati distrutti.

Seriamente compromessa anche lattività dello scalo per il cui ripristino si parla di mesi, considerando anche i necessari controlli da completare sulla struttura, perché lincendio potrebbe averne messo in pericolo la stabilità.

Intanto si indaga sulle cause, con la procura di Civitavecchia che ha aperto una inchiesta per incendio colposo contro ignoti, disponendo il sequestro dell'intera area interessata dalle fiamme.

CONTINUA A LEGGERE

06-05-2015

Raccolta premi assicurativi 2014

Sulla base delle informazioni fornite anticipatamente dalle imprese di assicurazione operanti in Italia e dalle rappresentanze in Italia di imprese aventi sede legale in paesi europei ed extra europei, lANIA ha raccolto i dati relativi ai premi lordi contabilizzati nel 2014 per il lavoro diretto italiano dei rami Danni e dei rami Vita. Le informazioni sono da considerarsi ancora provvisorie.

Hanno partecipato alla rilevazione tutte le 121 imprese nazionali e le 2 rappresentanze di imprese extra europee che hanno contabilizzato premi nel 2014. Sono state invece 61 le rappresentanze di imprese europee ad aver aderito alla rilevazione statistica rispetto alle 91 ammesse ad operare in Italia in regime di stabilimento; in termini di quota mercato si stima che queste rappresentino tuttavia circa l80% del totale (in particolare il 95% nel settore Danni e il 70% nel settore Vita).

Raccolta Premi Complessiva Nel 2014 la raccolta complessiva dei premi delle imprese di assicurazione nazionali e delle rappresentanze per lItalia di imprese extra europee è stata pari a 143,3 miliardi con una crescita, in termini omogenei, del 20,6% rispetto al 2013 (Tav. 1). La dinamica è il risultato di un aumento significativo dei premi del settore Vita (+29,9%) e di una diminuzione di quello Danni (-2,7%). Lincidenza dei premi totali (Vita e Danni) sul Prodotto Interno Lordo è conseguentemente cresciuta, passando dal 7,4% nel 2013 all8,9% nel 2014.

Anche le rappresentanze di imprese europee operanti in Italia in regime di stabilimento hanno registrato una variazione positiva (+2,2%) dei premi contabilizzati. Nel dettaglio, i premi del settore Danni sono diminuiti (-2,9%), mentre quelli del settore Vita sono risultati in aumento (+9,9%).

Rami Vita Nel 2014 la raccolta premi nei rami Vita ha superato i 110 miliardi con una crescita del 30% rispetto al 2013 (Tav. 2); questo aumento fa seguito a quello già registrato nel 2013 (+22%), dopo la forte diminuzione registrata nel biennio 2011-2012 (-23% in due anni).
Nel 2014, i prodotti di ramo I - Vita umana hanno contabilizzato oltre 82 miliardi di premi, il valore più elevato mai registrato in questo ramo, con un aumento del 27%. In crescita anche la raccolta premi di tutti gli altri rami. Nel dettaglio sono cresciuti del 41% i premi delle polizze di Ramo III Polizze Linked, per un volume di quasi 22 miliardi, rappresentando circa il 20% dei premi totali. Stessa percentuale di crescita si è registrata per le polizze di ramo V Capitalizzazione i cui premi sono stati pari a 4,6 miliardi (4,2% del totale). Il ramo VI Fondi Pensione ha raccolto premi per 1,4 miliardi in crescita del 9% mentre le polizze di Ramo IV Malattia (con appena 67 milioni di raccolta premi) sono cresciute del 29%.
Lincidenza della raccolta Vita sul Prodotto Interno Lordo è aumentata di 1,5 punti percentuali passando dal 5,3% nel 2013 al 6,8% nel 2014.

Per quanto riguarda le rappresentanze in Italia di imprese UE, i premi contabilizzati alla fine del 2014 sono stati pari a 3,2 miliardi con una crescita di quasi il 10%. In particolare il ramo III Polizze Linked ha contabilizzato premi per circa 2,7 miliardi, ossia l84% dei premi totali raccolti da tali imprese.

Rami Danni Nel 2014 la raccolta premi nei rami Danni è stata pari a 32,8 miliardi con un calo del 2,7% rispetto al 2013 (Tav. 3).
La dinamica è il risultato di:
una diminuzione nel settore Auto, i cui premi hanno registrato una flessione del 5,8%; più specificatamente, -6,5% nel ramo R.C. Auto e veicoli marittimi e -1,1% nel ramo Corpi veicoli terrestri. La diminuzione del volume premi del ramo R.C. auto nel 2014 è coerente con il calo del premio medio stimato dallANIA nellordine del 6,0% rispetto allanno precedente e con un parco di veicoli assicurati sostanzialmente invariato;
un lieve aumento negli altri rami Danni i cui premi sono cresciuti dell1,2%. Allinterno di questo macro-settore i premi dei seguenti rami hanno registrato una variazione positiva: Perdite pecuniarie (+12,2%), Assistenza (+8,4%), Corpi veicoli ferroviari (+6,6%), Tutela legale (+5,6%), R.C. Aeromobili (+4,8%), Altri danni ai beni (+4,3%), Cauzione (+1,2%), Infortuni (+0,6%) e Incendio (+0,5%). I rami invece in calo sono stati Corpi veicoli aerei (-19,9%), Credito (-17,7%), Merci trasportate (-9,8%), Corpi veicoli marittimi (-4,2%), Malattia (-0,8%) e R.C. Generale (-0,6%).

Lincidenza dei premi degli altri rami Danni sul totale premi del comparto è salita dal 44,6% del 2013 al 46,3% del 2014 mentre quella del settore Auto è diminuita dal 55,4% al 53,7%. I rami più rappresentativi, in termini di market share (dopo il settore Auto), rimangono gli Infortuni (9,1%), il ramo R.C. Generale (8,6%) e il ramo Altri danni ai beni (8,5%).
Nel 2014, lincidenza della raccolta Danni sul Prodotto Interno Lordo è stata pari al 2,0%, in lieve riduzione dal 2,1% nel 2013.

Le rappresentanze di imprese aventi sede legale nei paesi europei hanno contabilizzato premi per 4,3 miliardi, in diminuzione del 2,9% rispetto al 2013. Oltre che nel ramo R.C. Auto e veicoli marittimi che, per queste rappresentanze costituisce il 19% del business danni complessivo, si registra unimportante raccolta nel ramo R.C. Generale (21%), nel settore Credito e Cauzioni (12%) e nel ramo Infortuni (9,5%). Mentre il ramo R.C. Auto registra una contrazione dei premi anche più marcata rispetto a quella delle imprese italiane (-15,8%), i premi degli altri rami danni sono risultati in lieve crescita (+1%), in linea con quanto registrato dalle imprese italiane.

Nel commentare i dati il Presidente ANIA Aldo Minucci ha sottolineato: Ci riteniamo soddisfatti per landamento del ramo Vita che conferma la fiducia che gli italiani, in questi anni di crisi economica, ripongono nel settore assicurativo, sia per la sua solidità e forza patrimoniale sia per i significativi rendimenti che le compagnie di assicurazione con le gestioni separate sono in grado di offrire ai propri risparmiatori. Il calo del ramo Danni è invece dovuto principalmente a una diminuzione dei premi della R.C. Auto, che attesta la tanto attesa riduzione dei premi delle polizze, conseguenza di una accentuata competitività delle imprese e di una lieve riduzione della frequenza dei sinistri. Complessivamente limportanza che il settore assicurativo sta assumendo nel nostro Paese è dimostrato anche dalla crescita della raccolta premi sul PIL, che è passata dal 7,4% nel 2013 all8,9% nel 2014.

Fonte: ANIA

CONTINUA A LEGGERE

04-05-2015

ASL paga 1 milione per errore in sala parto

Nacque nel 2013 in un ospedale rientrante nella circoscrizione dell'ASL 2 di Lucca, riportando danni permanenti causati da mancanza di ossigeno,

La famiglia aveva avanzato richiesta di risarcimento in sede civile, instaurando un contenzioso che nei giorni scorsi si è chiuso con una proposta dellASL di liquidare la somma di 1 milione di euro a chiusura del contenzioso.

Secondo il legale della famiglia del neonato, i sanitari dellospedale S. Francesco Barga non seguirono correttamente il protocollo che prevede un monitoraggio cardiotocografico fetale adatto a consentire la registrazione della frequenza cardiaca fetale e della contrattualità dellutero, segnali utili a informare sulla grave situazione del feto e indirizzare i medici a optare per un parto cesareo che poteva evitare linsorgenza dei danni riportati dal neonato.

La chiusura della trattativa con i familiari del bimbo, con laccettazione della proposta avanzata dallASL, non chiude le procedure amministrative collegate al sinistro.
Il fascicolo verrà, infatti, trasmesso alla procura regionale presso la Corte dei Conti che valuterà leventuale sussistenza del dolo o della colpa grave dei sanitari coinvolti per decidere se avanzare lazione di rivalsa nei loro confronti.

CONTINUA A LEGGERE